Quando il montaggio è decisivo

Oltre cinque anni di esperienza nel “vero su misura” ci hanno insegnato che tutti i nodi vengono al pettine in fase di montaggio: è lì che la sapiente professionalità dei nostri “rifinitori” fa sempre la differenza.

Molti clienti ci chiedono cosa sia più importante nella realizzazione di un arredo “su misura”. Di solito rispondiamo con tre numeri: 40, 20, 40.

La progettazione conta per il 40%. Attraverso la progettazione 4.0, infatti, si pianificano e si attivano (quasi) in tempo reale le successive lavorazioni, con metodi, tempi e costi precisi, in collegamento con una rete di fornitori che realizzano le varie parti dell’arredo progettato: una vera e propria azienda diffusa made in Italy, che sola può garantire una miriade di soluzioni altamente specializzate. La produzione in rete, tuttavia, segue in modo quasi automatico l’indirizzo dato dal progetto e la sua incidenza strategica sul risultato complessivo non supera il 20%.

Diventa invece decisivo il montaggio, con un peso del 40%. In questa fase è importante avere squadre con operatori dotati di una pronta visione d’insieme, capaci d’interpretare sul posto il progetto e di attuare la posa in opera con spiccata manualità e sensibilità artigiana.

La competenza dei montatori è ormai un riconosciuto punto di forza del metodo TUA, sempre più apprezzato dai nostri clienti che possono così contare su un servizio di montaggio “senza compromessi” e anche su una consulenza e un’assistenza post-vendita qualificata. Solo l’incontro tra la tecnologia 4.0 della progettazione e il tocco finale garantito dai nostri “rifinitori”, conferisce al vero “su misura” la sua autentica, inconfondibile unicità sartoriale.